Vai menu di sezione

Olimpiadi 2026: a Cortina le gare di bob, skeleton e slittino

Ieri al Coni il primo summit tra le delegazioni. Quasi certa la cerimonia di chiusura all'Arena di Verona

Si è svolto ieri il vertice nella sede del Coni a Roma ospiti del capo dello sport italiano Giovanni Malagò, il presidente della
Lombardia Attilio Fontana, del Veneto Luca Zaia e i due sindaci Giuseppe Sala (Milano) e Gianpietro Ghedina.

La riunione operativa rappresentava il primo passaggio formale dopo l’approvazione della candidatura da parte del CIO, avvenuta nel corso della 133esima sessione che si è svolta la scorsa settimana a Buenos Aires.

Nel corso dell’incontro si è parlato del dossier e dei prossimi appuntamenti in programma, tra cui le visite tecnico-ispettive del CIO del 23-25 ottobre e la ‘prima’ presentazione della candidatura prevista il 28 novembre a Tokyo, in occasione del Consiglio Esecutivo dell’ANOC. (Fonte CONI)

Il sindaco Ghedina torna da Roma carico di entusiasmo: "A Cortina ospiteremo le gare di bob, skeleton e slittino. La pista Eugenio Monti diventerà centro federale. Abbiamo già pronto il piano di gestione"

Il sindaco conferma che ci sia equilibrio di medaglie e competizioni tra le due regioni: a Cortina - dice - avremo gare per tutto il periodo olimpico, questo è già un successo e siamo soddisfatti. C'è molto lavoro che ci aspetta, ci sono tanti step da fare. Comunque siamo una bella squadra e siamo fiduciosi, stiamo andando avanti bene.

Per la cerimonia di chiusura si auspica che la sede sia l'Arena di Verona. Il fascino di questa location è - infatti - fuori discussione.

Per il logo, infine, ci sono già sul tavolo alcune proposte ed anche questo aspetto sarà definito a breve.

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Giovedì, 18 Ottobre 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto