Vai menu di sezione

I Ladini e la loro lingua

I Ladini sono circa 35.000 e vivono in cinque vallate che hanno come loro centro naturale il massiccio del Sella: la Val Badia, la Val Gardena, la Val di Fassa, Livinallongo del Col di Lana, Colle Santa Lucia e Cortina d’Ampezzo.

Questa popolazione parla una lingua di origine assai antica, il ladino, che nelle diverse vallate assume varietà locali. Il ladino è una lingua neolatina o romanza, che trae origine linguistica dalla sovrapposizione, in diverse epoche, del latino volgare sulle lingue parlate dalla gente del luogo. Nei secoli, dopo l'annessione delle regioni alpine all'Impero Romano (15 a.C.), la popolazione reta delle regioni dolomitiche adottò il latino dei soldati e dei funzionari romani, senza rinunciare del tutto alla propria parlata, e trasformandola gradualmente in lingua ladina.

Negli ultimi anni, associazioni culturali e teatrali attraverso attività, pubblicazioni, trasmissioni radio e televisive, opere letterarie, riviste e libri promuovono e salvaguardano la lingua ladina, cercando di risvegliare la consapevolezza etica dei ladini delle Dolomiti.

La comunità di Cortina d’Ampezzo con il relativo territorio è stati riconosciuti minoranza linguistica appartenente al gruppo dei ladini storici delle Dolomiti, considerato come gruppo omogeneo di popolazioni con radici storiche e linguistiche ladine attraverso la delibera del Consiglio comunale n. 72 del 18.12.2000, in attuazione di quanto stabilito dalla legge n° 482/99 “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche”.

I Ladis e ra so parlada

I Ladis i é supośò 35.000 e i vive inze ra zinche valades intor el Sela: val Badia, Val Gardena, Fascia, Fodom, Col e Anpezo.

Ra parlada de chesta śente, el ladin, r’à radijes tropo vècies, na parlada “neolatina o romanza”, che ra nasce dal mescedozo intrà el latin e ra parlada de ra śente del posto. Con el pasà dei secole, dapò che chesta tères res ea deentades parte del “impero romano” (15a.C.), ra şente r’à scomenzà a fei so el latin dei melitare  romane, zenza se desmenteà de ra so parlada. Ra parlada r’à scomenzà a se mudà fora nafré areota par deentà ladin. Ancuoi ogni val r’à ra so variante.

Inze chiste ultime anes, ra union ladines r’à betù a śi laore e projete su l saé ladin, res à betù śo teatre, scrito libre e r’é śude su par i jornai, par radio e par television, par fei conosce ra parlada ladina, par ra dorà, par ra proteje, par ra mantegnì viva inze ra Dolomites.

El Comun de Anpezo, ra so śente e ra parlada con ra delibera de consilio de Comun n. 72 del 18.12.2000 r’é sote tutela come “minoranza linguistica” che fesc parte dei ladis storiche de ra Dolomites, śente con ra medema radijes e parlada, cemodo che vo ra leje 482/99.

Pagina pubblicata Lunedì, 07 Maggio 2018 - Ultima modifica: Giovedì, 30 Agosto 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto