Vai menu di sezione

Territorio

Cortina è situata al centro della conca d'Ampezzo, nell'alta Valle del Boite, che fu il bacino terminale di un antico ghiacciaio quaternario.

Il territorio comunale si trova ad un’altitudine che varia da un minimo di 1.057 m a un massimo di 3.244 m, della Tofana di Mezzo, con un’escursione altimetrica pari a 2.187 m. Il centro urbano, a fondovalle, si trova a circa 1.224 m slm.

Cortina d’Ampezzo vanta una superficie di 252,81 chilometri quadrati. La popolazione è di circa 5832 residenti (al 30/06/2018) con una densità di 23,06 abitanti per chilometro quadrato.

La valle è circondata dalle Dolomiti Ampezzane, facenti parte delle Dolomiti di Sesto, di Braies e d’Ampezzo, nelle Alpi Orientali.

Tra le montagne più famose si ricordano le Tofane a ovest, il Pomagagnon a nord, il Cristallo a nord-est, il Faloria e il Sorapis a est, il Becco di Mezzodì, la Croda da Lago e il gruppo del Nuvolau a sud.

L’insieme idrografico ampezzano è formato da numerosi corsi d’acqua e bacini con ruscelli e torrentelli che scorrono lungo le pendici rocciose dei monti e nei boschi. I corsi d’acqua principali sono il torrente Boite con il suo affluente, il Rio Bigontina.

Il Boite (ra Bóite in ladino ampezzano) è il secondo affluente del Piave per importanza dopo il Cordevole e nasce a nord di Cortina d'Ampezzo, in località Cianpo de Crosc, a quota 1.800 m. circa.

Numerosi sono anche i laghetti alpini, tutti di modeste dimensioni, ma per la maggior parte costituiscono dei biotipi di elevato interesse naturalistico.

Il Lago di Lìmides nell’area Lagazuoi 5 Torri Giau è di origine glaciale e le sue acque sono troppo fredde per ospitare organismi viventi. E’ un laghetto effimero che scompare a metà estate ed il periodo migliore per visitarlo è il mese di giugno.

Lago di Fédera, o Lago da Lago, incastonato al cospetto dei colossi di Croda da Lago, Croda Rossa, Pomagagnon, Cristallo, Sorapiss e del Becco di Mezzodì. Una fauna particolare popola questo specchio d’acqua d’alta quota, costituita da varoni, molluschi e tritoni alpestri.

Lago di Bài de Dònes
Si trova nei pressi della partenza della seggiovia delle Cinque Torri. Sulle sue sponde si possono ammirare una particolare vegetazione e fauna anfibia.

Lagaciò o lago del Lagazuoi
Oltre il Lagazuoi, all’estremo dall’ampia valle di fronte alle Conturines, questo lago è un gioiello di origine glaciale incastonato nella roccia: una macchia di verde scuro in cui si riflettono la Torre del Lago e la parete Scotoni. E’ un lago perenne alimentato da sorgenti sotterranee.

Lago di Valparola
Piccolo laghetto incastonato nel verde brillante dei prati, proprio a lato della strada della Valparola. Lago di valico, si è formato grazie all’ argilla impermeabile del fondo che impedisce all’acqua di disperdersi. Sulle sue sponde si possono osservare un’interessante vegetazione e fauna anfibia.

Pagina pubblicata Mercoledì, 14 Marzo 2018 - Ultima modifica: Martedì, 24 Luglio 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto